Questo articolo nasce dall’idea di parlare della nota Sindrome dell’Edificio Malato per sottolinearne la forte presenza soprattutto nelle persone che frequentano uffici dove la qualità dell’aria indoor non è molto alta.

I sintomi di questa patologia, ormai riconosciuta dall’OMS come una delle malattie più diffuse nei paesi occidentali ma adesso anche parecchio conosciuta in quelli in via di sviluppo, sono stanchezza e malessere quotidiano, fiacca e tendenza ad appisolarsi anche in momenti della giornata dove non ce lo si aspetterebbe, maldigola e leggera faringite, tossicola di stagione, naso leggermente chiuso o raffreddore conclamato, a volte, nei casi più estremi, infiammazioni alle vie respiratorie o tonsilliti.

Per non parlare poi delle allergie, anche cutanee, che possono presentarsi in concomitanza con quanto elencato sopra.

Se analizziamo i sintomi di questa patologia ci rendiamo conto che il 90% della popolazione, adulti, bambini e anziani, soprattutto nel corso della stagione invernale ne soffrono.

 

Fotosan_ufficio_2

 

E la situazione può anche peggiorare nelle cosiddette mezze stagioni.

Ma sono i lavoratori quelli a cui vogliamo parlare oggi.

Le persone che tutte le mattina si svegliano, a volte anche molto presto, per recarsi nelproprio ufficio o nella propria sede di lavoro e lì trascorrono a volte ben più delle 8 ore previste.

Da qui, la Sindrome dell’Ufficio Malato.

Perché quello che teniamo a sottolineare è che, se non viviamo bene il nostro posto di lavoro, la causa primaria potrebbe essere la scarsa qualità dell’aria che respiriamo lì ogni giorno e che ci fa stare male.

È necessario che responsabilmente ciascuno si prenda la briga di controllare quando e quante volte l’aria viene ricambiata nella propria stanza, nel proprio open space, nel proprio spazio operativo, nel proprio studio.

È fondamentale chiedere se sia possibile aprire le finestre almeno due volte al giorno, meglio alla mattina presto e magari dopo la pausa pranzo, più opportunamente durante la pausa pranzo quando tutti sono a mangiare e gli uffici sono sgombri.

Ove non fosse possibile, si possono segnalare alle aziende soluzioni alternative mirate a migliorare la qualità del lavoro e del tempo dei proprio dipendenti.

Una di queste soluzioni è scegliere un prodotto fotocatalitico al momento delle imbiancature di stagione oppure proporre anche solo un’applicazione sulle superfici importanti degli spazi comuni e degli uffici singoli, in modo da combattere il fenomeno dell’inquinamento indoor nei nostri posti di lavoro.

Il costo non è proibitivo e un’azienda, un imprenditore, un libero professionista che hanno a cuore il proprio benessere e quello di chi lavora con loro, giorno dopo giorno, possono scegliere di effettuare un intervento definitivo e pratico per migliorare la qualità dell’aria.

 

Fotosan_ufficiogreen

 

Fotosan, una finitura fotocatalitica, nasce proprio per combattere questo tipo di fenomeni, spesso nocivi e causa di cali di produzione anche nelle aziende più efficienti.

Informarsi è semplice, chiedere un preventivo lo è ancora di più.

Lavorare insieme per migliorare è quasi un dovere verso noi stessi e il nostro datore di lavoro.

Entra in Contatto con Caspani

 

La Caspani s.r.l. è stata la prima azienda, circa 10 anni fa ad utilizzate prodotti nanometrici, fotocatalitici e grazie all’esperienza maturata sul campo oggi possiamo offrire ai nostri clienti l’esperienza ed un portafoglio clienti documentato che nessun altra azienda è in grado di poter offrire. Se vuoi contattarci per maggiori informazioni clicca qui

caspani srl saronno

Scopri come Avere una Casa più Sana

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità del mondo delle finiture fotocatalitiche da Caspani Srl, Sulle ultime novità del settore avendo la possibilità di ricevere le nostre news direttamente nella tua casella di email

Ti sei iscritto con sucesso